Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


Venerdì 6 dicembre 2013 presentazione della ricerca “La Mediazione Interculturale nelle Marche”

Comunicato stampa pubblicato il giorno 21/11/2013

Presentazione della ricerca “La Mediazione Interculturale nelle Marche”

 

Venerdì 6 dicembre 2013 ore 9,30

Ancona, Sala del Consiglio Comunale, largo XXIV Maggio, 1

    Una giornata dedicata al tema della mediazione interculturale nelle Marche, a partire dalla ricerca “MIR - mediazione interculturale sociale e sanitaria nelle Marche. Mappare le pratiche e costruire protocolli di intervento” condotta dal Dipartimento di Economia, Società e Politica (DESP) dell'Università di Urbino Carlo Bo grazie ad un finanziamento della Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro e con la collaborazione dell'Osservatorio Diseguaglianze dell’Agenzia Regionale Sanitaria.   I lavori verranno aperti da Emma Capogrossi (Assessore servizi sociali, igiene, sanità, pari opportunità, Comune di Ancona), Fatima Farina (ricercatrice dell'Università di Urbino Carlo Bo) e Alessandra Baldini (Presidente dell'Ordine degli Assistenti Sociali delle Marche). Presenteranno i risultati della ricerca Alba Angelucci, Eduardo Barberis, Angela Genova e Irena Korelc (Università di Urbino Carlo Bo). Parteciperanno alla discussione Patrizia Carletti (Agenzia Sanitaria Regionale Marche), Zana Dhroso (Associazione Senza Confini) e Iside Cagnoni (Coordinatrice Attività Sociali Area Vasta 2 - ASUR Marche). Gli interessati sono invitati a partecipare.   Principali risultati Nel corso del convegno saranno presentati i principali risultati della ricerca che, con quasi 200 fra questionari e interviste, ha analizzato le caratteristiche dei mediatori interculturali attivi nelle Marche e il bisogno di mediazione nei servizi sociali e sanitari. La ricerca, in particolare, ha messo in evidenza che: - gli operatori sociali e sanitari marchigiani sentono il bisogno di interventi di mediazione interculturale per migliorare l’accesso ai servizi da parte della popolazione immigrata e l’efficacia e efficienza del loro lavoro e i dei servizi stessi; - tuttavia l'attuale disponibilità di servizi di mediazione non risponde appieno a tali esigenze;
  • da un lato, sotto l'etichetta di “mediatori interculturali” operano persone con competenze diverse: persone qualificate con esperienza migratoria; volontari con funzioni limitate; italiani senza esperienza migratoria e con competenze linguistico-culturali insufficienti...
  • dall'altro, la committenza (pubblica e privata) non ha idee abbastanza chiare sulla funzione della  mediazione interculturale e di conseguenza non è sempre in grado di reclutare le persone più competenti e adatte ai bisogni dell'utenza;
  • infine, troppo spesso l'attenzione si concentra solo sul mediatore e non su come il mediatore viene inserito nella rete dei servizi;
- questo rende molto precario il lavoro dei mediatori e ne limita la professionalizzazione; - tuttavia, esistono alcune buone pratiche che vanno valorizzate, prendendole come esempio per migliorare la normativa e le politiche regionali in materia.   Per informazioni e contatti Recapiti in calce e seguenti pagine Facebook: www.facebook.com/pages/MIR-Mediazione-Interculturale-nelle-Marche/137153113124613

« torna indietro

Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Se sei vittima di violenza o stalking chiama il 1522

Il 1522 è un servizio pubblico promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Pari Opportunità. Il numero, gratuito è attivo 24 h su 24, accoglie con operatrici specializzate le richieste di aiuto e sostegno delle vittime di violenza e stalking.

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Performance della pagina

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2021 © Tutti i diritti sono riservati

Top