Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


LETTERATURE COMPARATE
CAMPARATIVE LITERATURE

A.A. CFU
2020/2021 6
Docente Email Ricevimento studenti
Antonio Tricomi Dopo le lezioni
Didattica in lingue straniere
Insegnamento con materiali opzionali in lingua straniera Inglese
La didattica è svolta interamente in lingua italiana. I materiali di studio e l'esame possono essere in lingua straniera.

Assegnato al Corso di Studio

Lettere Classiche e Moderne (LM-14 / LM-15)
Curriculum: PERCORSO COMUNE
Giorno Orario Aula
Giorno Orario Aula

Obiettivi Formativi

Il corso mira a favorire negli studenti la capacità di cogliere e di analizzare le analogie e le differenze riscontrabili tra le principali culture e letterature occidentali, specialmente in età moderna. A tal fine, si prenderanno in esame alcune fra le più note rappresentazioni narrative delle pandemie. Non ci si limiterà, tuttavia, a sondare testi ascrivibili al cosiddetto genere distopico. E ci si interrogherà anzitutto sul valore socioculturale di tali opere.

Programma

1. Definizione teorica, genealogia, storia recente, principali orientamenti attuali della Comparatistica.

2. Analisi dei testi in programma.

Eventuali Propedeuticità

Nessuna.

Risultati di Apprendimento (Descrittori di Dublino)

Conoscenza e capacità di comprensione

Al termine del corso, lo studente dovrà aver acquisito una buona conoscenza delle dinamiche che consentono di individuare le più importanti interrelazioni esistenti, non solo in età contemporanea, tra le principali letterature occidentali.

Conoscenza e capacità di comprensione applicate

Al termine del corso, lo studente dovrà essere in grado di mettere a frutto un approccio critico non solo di tipo strettamente disciplinare, ma anche di taglio in senso ampio sociologico, ai testi letterari.

Autonomia di giudizio

Al termine del corso, lo studente dovrà dimostrare di saper impostare autonomamente un percorso di ricognizione e di valutazione dei principali testi letterari presi in esame durante le lezioni.

Abilità comunicative

Al termine del corso, lo studente dovrà aver acquisito una buona capacità di comunicare in modo chiaro le proprie considerazioni inerenti le opere letterarie e le questioni teoriche affrontate durante le lezioni.

Capacità di apprendere

Al termine del corso, lo studente dovrà aver acquisito una buona capacità di autonomia nello studio della disciplina, nella decodifica dei testi letterari, nell’impostazione di ricerche bibliografiche utili a orientarne il lavoro interpretativo.

Materiale Didattico

Il materiale didattico predisposto dal docente in aggiunta ai testi consigliati (come ad esempio diapositive, dispense, esercizi, bibliografia) e le comunicazioni del docente specifiche per l'insegnamento sono reperibili all'interno della piattaforma Moodle › blended.uniurb.it

Modalità Didattiche, Obblighi, Testi di Studio e Modalità di Accertamento

Modalità didattiche

Il modello di riferimento sarà quello delle lezioni frontali, in ognuna delle quali il docente tenterà di fornire agli studenti sia i fondamenti teorici, sia il lessico specifico della disciplina. Il più possibile, ma sempre compatibilmente con le conoscenze via via acquisite e con le curiosità intellettuali di volta in volta dimostrate dagli allievi, si cercherà però di rendere tali lezioni dialogate, assecondando modalità di tipo quasi seminariale.

Obblighi

Nessuno.

Testi di studio

Testi di riferimento

• Albert Camus, La peste, Milano, Bompiani, 2019

• Daniel Defoe, Diario dell’anno della peste, Roma, Elliot, 2014

• Mariangela Lopopolo, Che cos’è la letteratura comparata, Roma, Carocci, 2012

• Alessandro Manzoni, Storia della colonna infame, in Id., I promessi sposi. Storia della colonna infame, Torino, Einaudi, 2015, pp. 671-778

• Philip Roth, Nemesi, Torino, Einaudi, 2011

• José Saramago, Cecità, Milano, Feltrinelli, 2010

Testi di riferimento facoltativi

• Elisabetta Di Mincio, Il futuro in bilico. Il mondo contemporaneo tra controllo, utopia e distopia, Milano, Meltemi, 2018, pp. 7-53, 121-138

• Jack London, La peste scarlatta, Milano, Adelphi, 2009

• Curzio Malaparte, La pelle, Milano, Adelphi, 2010

• Richard Mateson, Io sono leggenda, Milano, Mondadori, 2020

• Cormac McCarthy, La strada, Torino, Einaudi, 2014

• Edgar Allan Poe, La maschera della Morte Rossa, in Id., Opere scelte, a cura di Giorgio Manganelli, Milano, Mondadori, 191, pp. 513-520

• Mary Shelley, L’ultimo uomo, Milano, Jouvence, 2020

• M.P. Shiel, La nube purpurea, Milano, Adelphi, 1967

Modalità di
accertamento

Il colloquio sarà orale. Tramite quesiti tesi a verificare in ciascun candidato il possesso di nozioni teoriche inerenti la materia di studio, il docente punterà ad accertare che ogni allievo abbia acquisito non soltanto un’adeguata conoscenza della disciplina, ma anche la capacità di elaborare un proprio autonomo discorso critico ricorrendo, con sufficiente puntualità, allo specifico linguaggio settoriale.

I criteri di valutazione saranno dunque i seguenti: 1) conoscenza della materia; 2) capacità di ragionare in maniera appropriata sull'argomento oggetto di ogni singola domanda; 3) capacità di esporre i contenuti della disciplina con proprietà di linguaggio.

Saranno valutate ottime quelle prove che dimostreranno il possesso, da parte dello studente, di buone capacità critiche e di approfondimento; la capacità di orientarsi, con sicura padronanza della materia, all’interno delle principali tematiche trattate a lezione e di istituire, in caso, anche opportuni collegamenti; la capacità di utilizzare in modo sicuro e puntuale il lessico tecnico della disciplina.

Saranno valutate “discrete” quelle prove che dimostreranno il possesso, da parte dello studente, di una conoscenza mnemonica dei contenuti; una minima capacità critica e di collegamento tra i principali temi, con il ricorso al linguaggio e al lessico tecnico della disciplina.

Saranno valutate “sufficienti” quelle prove che dimostreranno il raggiungimento, da parte dello studente, di un bagaglio di conoscenze minime relativamente ai fondamenti della disciplina, pur in presenza di qualche lacuna formativa, nonché l’uso di un linguaggio non del tutto appropriato.

Saranno valutate negativamente quelle prove che evidenzieranno difficoltà di orientamento dello studente rispetto ai temi affrontati nei testi d’esame, lacune formative gravi rispetto ai principi fondativi della disciplina e il mancato uso o l’uso improprio del lessico specifico.

Informazioni Aggiuntive per Studenti Non Frequentanti

Modalità didattiche

Studio individuale da parte degli allievi.

Obblighi

Nessuno.

Testi di studio

Testi di riferimento

• Albert Camus, La peste, Milano, Bompiani, 2019

• Daniel Defoe, Diario dell’anno della peste, Roma, Elliot, 2014

• Mariangela Lopopolo, Che cos’è la letteratura comparata, Roma, Carocci, 2012

• Alessandro Manzoni, Storia della colonna infame, in Id., I promessi sposi. Storia della colonna infame, Torino, Einaudi, 2015, pp. 671-778

• Philip Roth, Nemesi, Torino, Einaudi, 2011

• José Saramago, Cecità, Milano, Feltrinelli, 2010

Testi di riferimento facoltativi

• Elisabetta Di Minico, Il futuro in bilico. Il mondo contemporaneo tra controllo, utopia e distopia, Milano, Meltemi, 2018, pp. 7-53, 121-138

• Jack London, La peste scarlatta, Milano, Adelphi, 2009

• Curzio Malaparte, La pelle, Milano, Adelphi, 2010

• Richard Matheson, Io sono leggenda, Milano, Mondadori, 2020

• Cormac McCarthy, La strada, Torino, Einaudi, 2014

• Edgar Allan Poe, La maschera della Morte Rossa, in Id., Opere scelte, a cura di Giorgio Manganelli, Milano, Mondadori, 191, pp. 513-520

• Mary Shelley, L’ultimo uomo, Milano, Jouvence, 2020

• M.P. Shiel, La nube purpurea, Milano, Adelphi, 1967

Modalità di
accertamento

Il colloquio sarà orale. Tramite quesiti tesi a verificare in ciascun candidato il possesso di nozioni teoriche inerenti la materia di studio, il docente punterà ad accertare che ogni allievo abbia acquisito non soltanto un’adeguata conoscenza della disciplina, ma anche la capacità di elaborare un proprio autonomo discorso critico ricorrendo, con sufficiente puntualità, allo specifico linguaggio settoriale.

I criteri di valutazione saranno dunque i seguenti: 1) conoscenza della materia; 2) capacità di ragionare in maniera appropriata sull'argomento oggetto di ogni singola domanda; 3) capacità di esporre i contenuti della disciplina con proprietà di linguaggio.

Saranno valutate ottime quelle prove che dimostreranno il possesso, da parte dello studente, di buone capacità critiche e di approfondimento; la capacità di orientarsi, con sicura padronanza della materia, all’interno delle principali tematiche trattate a lezione e di istituire, in caso, anche opportuni collegamenti; la capacità di utilizzare in modo sicuro e puntuale il lessico tecnico della disciplina.

Saranno valutate “discrete” quelle prove che dimostreranno il possesso, da parte dello studente, di una conoscenza mnemonica dei contenuti; una minima capacità critica e di collegamento tra i principali temi, con il ricorso al linguaggio e al lessico tecnico della disciplina.

Saranno valutate “sufficienti” quelle prove che dimostreranno il raggiungimento, da parte dello studente, di un bagaglio di conoscenze minime relativamente ai fondamenti della disciplina, pur in presenza di qualche lacuna formativa, nonché l’uso di un linguaggio non del tutto appropriato.

Saranno valutate negativamente quelle prove che evidenzieranno difficoltà di orientamento dello studente rispetto ai temi affrontati nei testi d’esame, lacune formative gravi rispetto ai principi fondativi della disciplina e il mancato uso o l’uso improprio del lessico specifico.

Note

Nessuna.

« torna indietro Ultimo aggiornamento: 02/10/2020


Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Se sei vittima di violenza o stalking chiama il 1522

Il 1522 è un servizio pubblico promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Pari Opportunità. Il numero, gratuito è attivo 24 h su 24, accoglie con operatrici specializzate le richieste di aiuto e sostegno delle vittime di violenza e stalking.

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Performance della pagina

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2022 © Tutti i diritti sono riservati

Top