Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


PSICOLOGIA DELLA FORMAZIONE

A.A. CFU
2007/2008 4
Docente Email Ricevimento studenti
Danilo Musso
Giorno Orario Aula

Obiettivi Formativi

Il corso di Psicologia della Formazione si propone di fornire un quadro teorico e pratico sul processo di formazione (dall’analisi dei bisogni alla valutazione dei risultati). E’ dedicato alla presentazione di aspetti teorici e metodologici riferiti all’attività di formazione, ai contesti in cui agisce la formazione, allo sviluppo della soggettività, delle competenze trasversali e delle risorse umane all’interno delle organizzazioni. Particolare attenzione è rivolta ai concetti di “progettazione e di sviluppo di competenze”.
Si approfondiranno progettazioni e metodologie operative riferite a settori ove le strutture organizzative si caratterizzano in modo esemplare come luoghi di incontro di gruppi di lavoro portatori di differenti culture. Si effettueranno esercitazioni e si utilizzeranno metodologie didattiche attive per avvicinare gli studenti al processo di formazione nella sua applicazione con gruppi di lavoro.

Programma

Il corso prevede la definizione dei concetti fondamentali della psicologia della formazione, approfondendo aspetti teorici e applicativi legati a tre aree principali: l'oggetto dell'attività formativa, le modalità dell'attività formativa, e le modalità dell'efficacia dell'attività stessa. 1. La psicologia della formazione: definizione del campo di intervento della disciplina; processo formativo e organizzativo; gli attori del processo formativo e la dinamica dei loro rapporti; l'evoluzione della Psicologia della Formazione. 2. Ricostruire il processo formativo; gli strumenti e le strategie di analisi dei bisogni formativi; gli obiettivi formativi Formazione e apprendimento come processo continuo; il programma di formazione e le strategie di implementazione; formazione e formatore; gli aspetti psicologici della formazione a distanza. 3. La valutazione formativa e il report in ambito organizzativo; la valutazione dell'efficacia della formazione. 4. Le metodologie didattiche attive: Esercitazioni e lezioni d'aula; Il lavoro di gruppo e i gruppi di lavoro; I gruppi di discussione e di problem solving; I gruppi di brainstorming; Il metodo dei casi; Simulazioni e role-playing; L’action research; la comunicazione nei gruppi e le dinamiche interne.

Modalità Didattiche, Obblighi, Testi di Studio e Modalità di Accertamento

Modalità didattiche

Lezioni frontali, esercitazioni di approfondimento e lavori di gruppo.

Testi di studio

Quaglino G.P., Fare formazione, Raffaello Cortina, Milano, 2005 
G.P.Quaglino e AAVV Gruppo di lavoro e lavoro di gruppo , Raffaello Cortina , Milano 1992
Un testo a scelta tra i seguenti:
Battistelli A., Majer V., Odoardi C., Sapere fare essere, Franco Angeli, Milano, 1997
Castagna M., Progettare la formazione, 1997, Franco Angeli
Pojaghi B., Il gruppo come strumento di formazione complessa, 2000, Franco Angeli

Modalità di
accertamento

Esame orale

« torna indietro Ultimo aggiornamento: 18/07/2007


Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Se sei vittima di violenza o stalking chiama il 1522

Il 1522 è un servizio pubblico promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Pari Opportunità. Il numero, gratuito è attivo 24 h su 24, accoglie con operatrici specializzate le richieste di aiuto e sostegno delle vittime di violenza e stalking.

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Performance della pagina

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2021 © Tutti i diritti sono riservati

Top