Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


LABORATORIO 3 - MANUFATTI DIPINTI SU SUPPORTO LIGNEO. MANUFATTI SCOLPITI IN LEGNO. ARREDI E STRUTTURE LIGNEE 1 - MODULO 1C LEGNO

Laboratorio 3 - Manufatti dipinti su supporto ligneo. Manufatti scolpiti in legno. Arredi e strutture lignee 1 - Modulo 1C Legno
Laboratory 3. Polychrome wooden paintings and objects (easel paintings and sculpture), furniture and wooden structures 1. Module 1C Wood.

A.A. CFU
2015/2016 5
Docente Email Ricevimento studenti
Francesca Tonini da concordare con il Docente

Assegnato al Corso di Studio

Giorno Orario Aula

Obiettivi Formativi

Fornire agli Studenti gli elementi di teoria e pratica per la progettazione del restauro e l'intervento sulle opere d'arte policroma su supporto ligneo (scultura e dipinti), per un approccio scientifico alla conservazione preventiva e al restauro conservativo ed estetico del manufatto, con riferimento al microclima e alla conservazione museale, e alla diffusione dei risultati conseguiti.

Programma

Il Corso è articolato sostanzialmente nell'esperienza didattica da svolgere in Laboratorio/Cantiere sulle tematiche concordate e sviluppate con i Docenti degli altri moduli, integrata da lezioni frontali, seminari, visite di studio. Sono auspicabili collaborazioni con esperti di altri settori, in particolar modo quello scientifico.

Lezioni frontali - 20 ore complessive

I supporti lignei - scultura e dipinti su tavola (6 ore): specie legnose: anatomia e comportamento del legno, con osservazione diretta di piante e campioni; lavorazioni, tagli, tecniche, materiali e attrezzature; restauro: case studies, attualità e prospettive. 

Le analisi scientifiche applicate ai supporti lignei (4 ore): in collaborazione con Orto Botanico e Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Urbino

Lacune strutturali ed estetiche sui supporti lignei (6 ore): Teoria e case studies

Ricerca applicata al restauro (2 ore): Fonti storiche, biblioteche specializzate, sitografia, convegni                                       

Il Conservatore-Restauratore (2 ore): i Codici deontologici ECCO. La definizione della figura del Conservatore-Restauratore (Normativa internazionale: ICOM-CC, e Normativa nazionale: Codice dei Beni Culturali D.M. 86 e 87 del 26 maggio 2009). Diario di laboratorio, relazioni di restauro: condivisione e diffusione dei risultati.

Lezioni pratiche/cantiere didattico - 105 ore complessive

Realizzazione di modelli: prove di tecniche artistiche (preparazione, policromia, doratura): 20 ore

Disinfezione, disinfestazione, consolidamento del supporto ligneo: 20 ore

Fissaggio e consolidamento degli strati pittorici: 20 ore                                                      

Pulitura, con test preliminari su materiali e metodi: 25 ore                                                  

Presentazione estetica con trattamento delle lacune e protezione finale: 20 ore                    

Risultati di Apprendimento (Descrittori di Dublino)

Il corso prevede lo sviluppo di competenze teoriche e pratiche per un approccio scientifico al restauro conservativo ed estetico dei manufatti su supporto ligneo. Il confronto diretto con l'opera d'arte, sotteso da una indispensabile preparazione teorica, e il rapporto con i futuri committenti e gli organi di controllo quali le Soprintendenze, consentirà agli allievi di predisporre una serie di competenze utili sia alla progettazione che all'esecuzione dell'intervento di restauro e di incrementare capacità critica e metodo analitico: dal condition report al progetto, dalla valutazione dello stato di conservazione alla schedatura georegerenziata, dalle analisi scientifiche al programma di manutenzione, alla realizzazione dell'intervento e alla diffusione dei risultati ottenuti. Il corso si svilupperà secondo la sequenza costitutiva delle varie opere, a partire dal supporto fino agli strati di finitura, analizzandone lo stato di conservazione, e proponendo materiali e metodi di intervento da quelli tradizionali a quell innovativi, fino alle auspicabili sperimentazioni in collaborazione con altri istituti e/o corsi.

Materiale Didattico

Il materiale didattico predisposto dal docente in aggiunta ai testi consigliati (come ad esempio diapositive, dispense, esercizi, bibliografia) e le comunicazioni del docente specifiche per l'insegnamento sono reperibili all'interno della piattaforma Moodle › blended.uniurb.it

Attività di Supporto

Seminari; Visite di studio a restauri esemplari, mostre, cantieri, orto botanico, ecc.


Modalità Didattiche, Obblighi, Testi di Studio e Modalità di Accertamento

Modalità didattiche

Lezioni frontali: 20 ore

Cantiere didattico: 105 ore

Obblighi

Frequenza come da Regolamento d'Ateneo

Testi di studio

Testo di studio:
Tonini F., La scultura lignea. Tecniche e materiali. Manuale per allievi restauratori, Il Prato, Saonara (PD) 2015

Testi per approfondimenti:

Baldini U., Dal Poggetto P. (a cura di), Firenze restaura. Il Laboratorio nel suo quarantennio. Guida alla mostra (Firenze 18 marzo - 4 giugno 1972), nuova edizione a cura di M. Ciatti, Edifir, Firenze 2013;
Cremonesi P., Signorini E., Un approccio alla pulitura dei dipinti mobili, Il Prato, Saonara (PD) 2012;
Diodato, S.P., I buoni colori di una volta, Menabò, Ortona 2012;
Fidanza G.B., Speranza L., Valenzuela M., Scultura lignea. Per una storia dei sistemi costruttivi e decorativi dal Medioevo al XIX secolo, Atti del Convegno di Serra San Quirico e Pergola 13-15 dicembre 2007, De Luca, Roma 2012;
Gusmeroli L., La pittura del trittico di Ambrogio Lorenzetti di Badia a Rofeno: tecnica artistica, stato di conservazione e restauro, in M. Ciatti, L. Gusmeroli (a cura di), Ambrogio Lorenzetti: il Trittico di Badia a Rofeno, Edifir, Firenze 2012;
AA.VV., Facing the Challenges of Panel Paintings Conservation: Trends, Tretaments, and Training, Proceedings from the Symposium at the Getty Conservation Institute, May 17-18 2009, Los Angeles 2011, www.getty.edu;
Fachechi M.G., Museo Nazionale del Palazzo di Venezia. Sculture in legno, Gangemi, Roma 2011;
Frezzato, F., (a cura di), Cennino Cennini, Il libro dell'arte, Vicenza 2011;
Rinaldi S., Storia tecnica dell'arte. Materiali e metodi della pittura e della scultura (secc. V-XIX), Carocci, Roma 2011;
Gambetta A., Funghi e insetti nel legno. Diagnosi, prevenzione, controllo, Nardini - Arte e Restauro Strumenti, Firenze, 2010
Caniato G. (a cura di), Con il legno e con l'oro. La Venezia artigiana degli intagliatori, battiloro e doratori, Verona 2009;
Pinna D., Galeotti M., Mazzeo R., Scientific examination for the investigation of paintings. A handbook for Conservators-Restorers, Centro Di, Firenze 2009;
Fidanza G.B., Macchioni N., Statue di legno. Caratteristiche tecnologiche e formali delle specie legnose (Atti del Convegno di Perugia 2005), Istituto poligrafico e Zecca dello Stato libreria dello Stato, Roma 2008;
Romagnoli M. (a cura di), Dendrocronologia per i beni culturali e l'ambiente, Nardini - Arte e Restauro, Firenze, 2009
Caneva G., Nugari M.P., Salvadori O. (a cura di), La biologia vegetale per i beni culturali Vol. 1, Biodeterioramento e conservazione, Nardini - Arte e restauro, Firenze 2007
Speranza L., La scultura lignea policroma, ricerche e modelli di restauro, Centro Di, Firenze 2007;
Brandi, C., Teoria del restauro, Einaudi, Torino 2006;

AA.VV., Lacuna. Riflessioni sulle esperienze dell'Opificio delle Pietre Dure, Atti dei Convegni, Ferrara 7 aprile 2002 e 5 aprile 2003, Firenze 2004                                                  

F.Del Zotto, F.Tonini, Ethics and aesthetics in wooden retables: Proposals for the reconstruction and presentation of losses in wood and polychrome surfaces: volume, texture, color, sta in Retables in situ. Conservation & Restauration, 11es journées d'études de la Section francaise de l'Institut International de Conservation, Roubaix (Francia) 24-25 juin 2004, pp. 69-82;

Ciatti, M., Frosinini, C. (a cura di), Restauro e ricerche. Dipinti su tela e tavola, Firenze 2003
Policromia a escultura policromada religiosa dos séculos XVII e XVIII. Estudo comparativo das tecnicas, alterações e conservação em Portugal, Espanha e Bélgica, Actas do Congreso Internacional, Lisboa 29, 30 e 31 de Otubro de 2002, Instituto Português de Conservação e Restauro, Lisboa 2002;
Castelli C., Tecniche di costruzione dei supporti lignei dipinti, sta in Ciatti M., Castelli C., Santacesaria A. (a cura di), Dipinti su tavola. La tecnica e la conservazione dei supporti, Edifir, Firenze 1999, pp. 59-98;
Castelli C., Santacesaria A., Il restauro dei supporti lignei, sta in Ciatti, M., Castelli, C., Santacesaria, A. (a cura di), Dipinti su tavola. La tecnica e la conservazione dei supporti, Edifir, Firenze 1999, pp. 169-195;
Perusini, G., Il restauro dei dipinti e delle sculture lignee, Del Bianco, Udine 2002;
Tutela del patrimonio culturale: Verso un profilo europeo del restauratore di beni culturali, Atti del Summit europeo, Pavia, 18-22 ottobre 1997;
Uzielli L., Casazza O. (a cura di), Conservazione dei dipinti su tavola, Firenze 1994
Baracchini C., Parmini G., Scultura lignea dipinta. I materiali e le tecniche, Spes, Firenze 1996;
Del Zotto, F., Tonini, F., Practical Solutions to Preserve Panel Paintings: Preliminary Report on Structural mechanisms, sta in ICOM Preprints, Washington D.C. 1993, pp. 683-689;
Hoadley R.B., Identifyng wood, The Taunton Press Newtown, 1990;
Nardi Berti R., Contributi scientifico-pratici per una migliore conoscenza ed utilizzazione del legno, Firenze, 1979;
Quaderni DIMOS - Istituto Centrale del Restauro, Tecnica delle sezioni stratigrafiche Parte I - Modulo 4, Roma 1978;
Villavecchia Eigenmann, Nuovo dizionario di merceologia e chimica applicata, Hoepli Milano, 1976.

Sitografia:

CAMEO: Conservation & Art Materials Encyclopedia Online
http://cameo.mfa.org

"Altarpieces: Illustrated Basic Terminology" e "Documento de Retablos 2002" (ad vocem, spagnolo o inglese)
http://www.getty.edu/conservation/field_projects/polychrome/index.html

H. Verougstraete, Frames and Supports in 15th and 16th Century Southern Netherlandish Painting, Los Angeles CA, 2013
http://org.kikirpa.be/frames/#I/z

 

AA.VV., The Conservation of Panel Paintings and Related Objects. Research Agenda 2014 -2020, Los Angeles CA, September 2014
www.nwo.nl/science4arts
www.getty.edu

 

 

Appunti delle lezioni.

 

Modalità di
accertamento

Per sostenere l'esame, lo Studente dovrà presentare una relazione del lavoro svolto, suddivisa in più capitoli, ciascuno relativo al lavoro svolto in ogni modulo didattico. L'elaborato dovrà essere inviato al Docente, via mail, due settimane prima dell'esame, e consegnato su supporto cartaceo e informatico al momento dell'esame.

L'esame consiste in una prova scritta e un colloquio orale:

Prova scritta: da eseguire in un'ora di tempo, è costituita da 6 domande a risposta chiusa e da 3 domande a risposta aperta;

Prova orale: verterà sul lavoro svolto in laboratorio e sui temi trattati nelle lezioni frontali e nei testi di studio indicati.

Informazioni Aggiuntive per Studenti Non Frequentanti

Modalità didattiche

Contattare il Docente e/o il Coordinatore del Corso

Note

Per ogni ulteriore informazione la Docente è a disposizione

« torna indietro Ultimo aggiornamento: 10/11/2015


Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Se sei vittima di violenza o stalking chiama il 1522

Il 1522 è un servizio pubblico promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Pari Opportunità. Il numero, gratuito è attivo 24 h su 24, accoglie con operatrici specializzate le richieste di aiuto e sostegno delle vittime di violenza e stalking.

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Performance della pagina

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2021 © Tutti i diritti sono riservati

Top