Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


POLITICHE DELL'IMMIGRAZIONE
IMMIGRATION POLICY

Immigrazione e dimensione territoriale
The local dimension of immigration policy

A.A. CFU
2016/2017 6
Docente Email Ricevimento studenti
Eduardo Barberis Un'ora prima delle lezioni e in altre date da concordarsi via e-mail
Didattica in lingue straniere
Insegnamento con materiali opzionali in lingua straniera Inglese
La didattica è svolta interamente in lingua italiana. I materiali di studio e l'esame possono essere in lingua straniera.

Assegnato al Corso di Studio

Giorno Orario Aula

Obiettivi Formativi

Il corso si propone di fornire agli studenti conoscenze sul rapporto fra immigrazione e territorio, e competenze per la gestione dei fenomeni connessi. Per fare ciò, si analizzeranno in particolare i modelli di insediamento, i modelli nazionali e locali di politica migratoria, l'incidenza del fenomeno migratorio sul welfare - con approfondimenti legati ad aspetti di attualità nel dibattito pubblico in materia e sulla gestione e programmazione delle politiche e strategie attuate da diversi attori (UE, Stati, Regioni, Enti locali, privato sociale e di mercato). In questo quadro, una specifica attenzione verrà rivolta al lavoro sociale antirazzista e antidiscriminatorio e ai dispositivi di mediazione interculturale.

Programma

Il fenomeno migratorio e il suo impatto su welfare e politiche
Immigrant policies e immigration policies
Modelli nazionali e politiche migratorie: prospettive internazionali
Il governo delle politiche migratorie italiane: storia e sociologia
La dimensione territoriale delle politiche per gli immigrati: policy networks e processi di rescaling
Nella seconda parte del corso verranno approfonditi, in base agli interessi degli studenti, uno o più dei seguenti casi studio:
- il lavoro sociale antirazzista e antidiscriminatorio
- i recenti flussi di migranti e il sistema di accoglienza
- la mediazione interculturale
- immigrazione e politiche educative
- immigrazione nell'Italia diffusa. I piccoli comuni e le sfide della diversità

Risultati di Apprendimento (Descrittori di Dublino)

Conoscenze attese: conoscenza del dibattito teorico sulle politiche; capacità di orientarsi nei principali indirizzi della letteratura sull'analisi di policy dell'immigrazione. Le conoscenze sono da acquisirsi tramite la lettura dei testi di riferimento.

Competenze: analisi critica delle politiche; capacità di approfondire teorie e legami con approcci empirici sulla materia; consapevolezza dei rischi discriminatori nel lavoro sociale. Le competenze sono da acquisirsi tramite la discussione dei testi di studio in relazione a fatti di cronaca e attualità.

Abilità: capacità di declinare conoscenze e competenze acquisite nel corso e nel percorso formativo per effettuare analisi sulle politiche informate dalle principali competenze sociologiche degli immigration studies. Le abilità sono acquisite tramite simulazioni e discussioni con operatori

Materiale Didattico

Il materiale didattico predisposto dal docente in aggiunta ai testi consigliati (come ad esempio diapositive, dispense, esercizi, bibliografia) e le comunicazioni del docente specifiche per l'insegnamento sono reperibili all'interno della piattaforma Moodle › blended.uniurb.it

Attività di Supporto

Possono essere previste attività seminariali di approfondimento, anche concordate in corso d'anno con gli studenti, relative a temi di interesse teorico ed empirico. Le attività possono prevedere l'intervento di esperti esterni e/o la visione e discussione di materiali audiovisivi.


Modalità Didattiche, Obblighi, Testi di Studio e Modalità di Accertamento

Modalità didattiche

Lezioni frontali, anche con il supporto di mezzi informatici e audiovisivi.
Nel corso delle lezioni verranno distribuiti materiali integrativi parzialmente sostitutivi dei testi d’esame.
Potranno essere previste - su base volontaria e in base allo stato di avanzamento di progetti in corso - attività di ricerca e ricerca-azione sul campo in materia di:
- politiche educative, scuola e interculturalità
- dispositivi di mediazione interculturale
- politiche urbane di apprezzamento della diversità culturale
- strumenti per l'analisi quantitativa delle immigration policies
- discriminazione e pratiche antidiscriminatorie

Obblighi

Partecipazione ad almeno tre quarti delle ore di lezione. Studio individuale dei testi indicati; è possibile concordare col docente testi alternativi e/o tesine di approfondimento a sostituzione parziale dei testi indicati. La tesina dovrà comportare un lavoro autonomo, basato almeno sullo studi di tre testi, e sarà controllata anche tramite software antiplagio.

Testi di studio

Gli studenti frequentanti che non concordano programmi parzialmente sostitutivi o integrativi, dovranno studiare 3 volumi, uno per area, fra quelli sotto indicati.

Area 1. Immigrazione e territorio
Un testo a scelta fra:
- E. Rossi, F. Biondi dal Monte, M. Vrenna, a cura di, La governance dell'immigrazione. Diritti, politiche e competenze, il Mulino, Bologna, 2013 (due capitoli a scelta per ogni Parte del libro, per un totale di 6 capitoli)
- A. Agustoni, A. Alietti, a cura di, Territori e pratiche di convivenza interetnica, Angeli, Milano, 2015
- Sociologica - Italian Journal of Sociology online, 2/2015. Simposio. Rescaling Immigration Paths: Emerging Settlement Patterns beyond Gateway Cities. Gli articoli sono scaricabili gratuitamente - dietro registrazione - dal sito http://www.sociologica.mulino.it/ 
- M. Balbo, Migrazioni e piccoli comuni, Franco Angeli, Milano, 2015

Area 2. Immigrazione, partecipazione socio-economica, disuguaglianze e discriminazioni
Un testo a scelta fra:
- Limes 6/2015 – “Chi bussa alla nostra porta”
- Prospettive Sociali e Sanitarie, Suppl. al n. 1, inverno 2016 -- "Emergenza profughi, quale accoglienza?"
- L. Dominelli, Anti-Racist Social Work. Palgrave, London, 2008.
- C. Saraceno, N. Sartor, G. Sciortino, a cura di, Stranieri e diseguali. Le diseguaglianze nei diritti e nelle condizioni di vita degli immigrati, Il Mulino, Bologna, 2013 (6 capitoli a scelta più l'Introduzione).
- R. Siebert, Il razzismo. Il riconoscimento negato. Carocci, Roma, 2009.
- La Rivista delle Politiche Sociali, 2-3/2015. "Migranti, rifugiati e politiche sociali"
- A. Amin, Europa, terra di estranei. Mimesis, Milano-Udine, 2016

Area 3. I dispositivi di mediazione
Un testo a scelta fra:  
- K. Razzali, Comunicazione interculturale e sfera pubblica, Carocci, Roma, 2015
- Rivista Mondi Migranti, numero 1/2012
- L. Luatti, Mediatori atleti dell'incontro, Vannini, Gussago, 2011.

Si fa presente che molti dei testi possono essere acquistati in versione digitale sui siti internet delle rispettive case editrici

Modalità di
accertamento

Esame orale. La discussione verterà sui testi di studio scelti dagli studenti, con agganci a pratiche, esperienze e dibattiti pubblici d'attualità.
Il voto finale sarà determinato dalla conoscenza dei diversi testi d'esame e dalla capacità di ancorarli ad esperienze reali o potenziali.
In particolare, all'esame è molto apprezzato (e contribuisce alla valutazione):

- il cimentarsi con testi in lingua straniera
- la capacità di collegare concetti, teorie, approcci e ricerche in modo organico e argomentato, senza ripetere pedissequamente i contenuti dei testi
- la padronanza del linguaggio specialistico disciplinare
- l'aver partecipato ad attività di ricerca e la capacità di collegare esperienze e saperi esperti

Per quanti presentano una tesina, l'esame verterà sulla discussione della stessa.
La tesina deve essere un testo di ca. 15 cartelle, con indice concordato col docente, che comporti la lettura e reinterpretazione originale di almeno 3 testi, anch'essi concordati col docente - anche al di fuori di quelli consigliati per l'esame. La tesina deve essere consegnata almeno 10 gg. prima della data dell'esame. 
Il voto finale sarà determinato dalla capacità di utilizzare e collegare in modo coerente i testi utilizzati, dalla capacità di ancorarli ad esperienze e pratiche, nonché dalla qualità della scrittura (corretta strutturazione di un testo scientifico, in termini di indice, paragrafi, logica del testo, correttezza sintattico-grammaticale).

Informazioni Aggiuntive per Studenti Non Frequentanti

Modalità didattiche

Studio individuale dei testi d'esame.

Obblighi

Studio individuale dei testi indicati; è possibile concordare col docente testi alternativi e/o tesine di approfondimento a sostituzione parziale dei testi indicati.

Testi di studio

Oltre ai testi previsti per i frequentanti, gli studenti non frequentanti devono studiare uno a scelta fra i seguenti:
- A. Colombo, Fuori controllo? Miti e realtà dell'immigrazione in Italia, il Mulino, Bologna, 2012
- S. Allievi, G. Della Zuanna, Tutto quello che non vi hanno mai detto sull'immigrazione, Laterza, Roma-Bari, 2016

Modalità di
accertamento

Esame orale. La discussione verterà sui testi di studio scelti dagli studenti, con agganci a pratiche, esperienze e dibattiti pubblici d'attualità.
Il voto finale sarà determinato dalla conoscenza dei diversi testi d'esame e dalla capcità di ancorarli ad esperienze reali o potenziali.
In particolare, all'esame è molto apprezzato (e contribuisce alla valutazione):

- il cimentarsi con testi in lingua straniera
- la capacità di collegare concetti, teorie, approcci e ricerche in modo organico e argomentato, senza ripetere pedissequamente i contenuti dei testi
- l'aver partecipato ad attività di ricerca e la capacità di collegare esperienze e saperi esperti
- la padronanza del linguaggio specialistico disciplinare

Note

L’esame e la bibliografia potranno essere in lingua inglese su richiesta dello studente.

Students can request to sit the final exam in English with an alternative programme.

Il docente è disponibile a seguire studenti/esse in attività di tirocinio interno su temi coerenti con quelli dell'insegnamento

« torna indietro Ultimo aggiornamento: 13/01/2017


Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Se sei vittima di violenza o stalking chiama il 1522

Il 1522 è un servizio pubblico promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Pari Opportunità. Il numero, gratuito è attivo 24 h su 24, accoglie con operatrici specializzate le richieste di aiuto e sostegno delle vittime di violenza e stalking.

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Performance della pagina

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2021 © Tutti i diritti sono riservati

Top