Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


DIRITTO DELL'INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE
LAW OF INFORMATION AND COMMUNICATION

A.A. CFU
2020/2021 6
Docente Email Ricevimento studenti
Carlo Magnani Lunedì 14-15 e Martedì 13-15 e su appuntamento tramite mail
Didattica in lingue straniere
Insegnamento con materiali opzionali in lingua straniera Spagnolo
La didattica è svolta interamente in lingua italiana. I materiali di studio e l'esame possono essere in lingua straniera.

Assegnato al Corso di Studio

Informazione, Media, Pubblicità (L-20)
Curriculum: PERCORSO COMUNE
Giorno Orario Aula
Giorno Orario Aula

Obiettivi Formativi

Il corso intende dotare gli studenti delle nozioni giuridiche fondamentali che consentono di interpretare il mondo della informazione dal punto di vista del diritto pubblico.
A partire da una prospettiva storica, si intendono esaminare i principi e i diritti costituzionali interessati dalla complessa fenomenologia delle comunicazioni di massa. L'art. 21 della Costituzione occupa un rilievo fondamentale.
Si analizzerà la stampa, a partire dalla legislazione dello Stato unitario passando per le vicende del fascismo sino alla evoluzione della disciplina nella Repubblica.
Saranno trattate le vicende dell'ordinamento della radiotelevisione.
Il corso offre anche una riflessione sui profili giuridici della professione del giornalista, specie in relazione alle nuove forme di espressione attraverso la rete Internet.

Si prenderà in esame Internet facendo riferimento alle principali questioni giuridiche che emergono dalla complessa realtà della rete, in special modo si proverà a focalizzare criticamente la nozione di fake news.


 

Programma

1. Art. 21 Cost. e libertà d'espressione nella Costituzione italiana: contenuto, limiti, interpretazioni, il rapporto con l'informazione.
2. La tutela della libertà di espressione nell'ordinamento internazionale: la Cedu, la Carta di Nizza, la Dichiarazione ONU.
3. Stampa: disciplina normativa nello stato italiano dalle origini a oggi. Modelli della libertà di stampa nel periodo unitario. Art. 28 Statuto Albertino. Stampa e fascismo. Ordine dei giornalisti. La stampa nella fase costituente. La legge n. 47 del 1948. La riforma dell'Ordine dei giornalisti. Reati a mezzo stampa. Privacy e informazione. Le imprese editoriali. Antitrust e pluralismo nella stampa.
4. Radiotelevisione: disciplina normativa dalle origini a oggi.Sistema televisivo e forma di stato. Il monopolio pubblico in Italia alle origini. Le riforme degli anni '70.
Le principali sentenze della Corte costituzionale in materia. Il sistema misto e la prima legge antitrust. La disciplina europea dei servizi media audiovisivi. Le norme sulla pubblicità commerciale. La comunicazione politica. Il servizio pubblico tra diritto comunitario e diritto interno. Il testo unico della radiotelevisione.
4. Spettacoli e teatro: disciplina normativa dalle origini a oggi. Interventi censori e autorizzatori tra fase liberale e fascismo. Interventi a sostegno imprese. La legge sul cinema. Strutture amministrative per gli spettacoli.
5.Internet: pluralismo e democrazia; diritto di accesso; tutela privacy; diritto di oblio.

6.Fake news e libertà di espressione.

Risultati di Apprendimento (Descrittori di Dublino)

1. Conoscenze e capacità di comprensione: dei principi costituzionali e delle norme primarie che sono alla base dell’ordinamento della informazione e della comunicazione italiano. Anche gli orientamenti giurisprudenziali interni più significativi (Corte costituzionale, Cassazione) dovranno essere padroneggiati. Lo studente dovrà acqusire competenze specifiche di tipo giuridico e culturale, dovrà cioè essere in grado di riconnettere le principali forme di comunicazione a precisi istituti giuridici.

1.1. Gli studenti conseguono tali conoscenze di base attraverso la frequenza delle lezioni e lo studio dei testi discussi in aula.

2. Gli studenti devono:

- mostrare capacità di applicare conoscenza e comprensione: attraverso la capacità di esaminare i principali mezzi di comunicazione di massa alla luce delle norme giuridiche di riferimento, in particolare associare ad ogni mezzo un preciso regime giuridico

- saper applicare le conoscenze teoriche acquisite durante il corso all'analisi delle forme giuridiche delle comunicazioni di massa e analizzare la realtà dei media attraverso rimandi continui tra la realtà prescrittiva del diritto e la realtà della situazione fattuale che contrassegna ogni media (stampa, radio tv, Internet).

- essere in grado di riconoscere i principali istituti del diritto dell'informazione, anche con riguardo alle problematiche professionali delle nuove professioni dei media, con speciale riguardo alla professione giornalistica.

- impostare progetti culturali e comunicativi fondati sulle loro competenze nell’analisi delle variabili culturali e comunicative.

- rispetto al multiforme contesto della comunicazioni di massa, lo studente dovrà riconoscere quale forma giuridica assume la manifestazione del pensiero e quale libertà viene in esercizio, distinguendo l'uso dei mezzi e verificando l'appropritezza di questi rispetto alle finalità comunicative.

Gli studenti acquisiscono queste conoscenze attraverso la frequenza delle lezioni, la partecipazione alla discussione in aula sulle tematiche affrontate a lezione, lo svolgimento delle esercitazioni guidate dal docente e attraverso lo studio dei testi.

3. Capacità di giudizio: valutazione critica della congruità e della corrispondenza tra i principi costituzionali sulla libertà di espressione e lo stato di fatto della sua attuazione nel settore della editoria e delle comunicazioni di massa.

3.1. Tale capacità di giudizio dovrà essere dimostrata nel confronto in aula con il docente e i colleghi, cogliendo i momenti di verifica critica come momenti preparatori all’esame finale.

4. Abilità comunicative: gli studenti sono sollecitati a partecipare in aula attraverso domande, interazione con il docente e con i compagni di studio.

4.1. Abilità che si esprime in aula nei momenti di discussione, specie in occasione dell’esame di pronunce della giurisprudenza costituzionale.

5. Capacità di apprendimento: agli studenti è richiesto di utilizzare un metodo di apprendimento capace di muovere dalla conoscenza delle norme sino alla acquisizione di opinione critiche e personali.

5.1. Abilità da potenziare grazie agli stimoli culturali suggeriti dal docente e dal confronto con i colleghi o con eventi della realtà. Obiettivo formativo è fornire gli srumenti culturali e didattici per orientare la comorensione degli istituti giuridici coinvolti, mostrando il vario contenuto mediale che può assumere la libertà d'espressione. 

Materiale Didattico

Il materiale didattico predisposto dal docente in aggiunta ai testi consigliati (come ad esempio diapositive, dispense, esercizi, bibliografia) e le comunicazioni del docente specifiche per l'insegnamento sono reperibili all'interno della piattaforma Moodle › blended.uniurb.it

Modalità Didattiche, Obblighi, Testi di Studio e Modalità di Accertamento

Modalità didattiche

Lezioni frontali/seminari/laboratori.

Obblighi

Partecipazione almeno 3/4 delle ore di lezione. NON sono previste forme di giustificazione delle assenze.

Studio individuale di tutti i testi indicati.

Conoscenza dei tratti fondamentali della Costituzione italiana.

Testi di studio

1. Paolo Caretti, Andrea Cardone, Diritto dell'informazione e della comunicazione, il Mulino, Bologna, 2019, ultima edizione, Capitoli, I,II,III, e V.

2. Carlo Magnani, Libertà di espressione e fake news, il difficile rapporto tra verità e diritto. Una prospettiva teorica, in Costituzionalismo.it, 3, 2018. Scaricabile online http://www.costituzionalismo.it/articoli/692/ .

Si ricorda che TUTTE le parti e TUTTI gli argomenti contenuti nei testi o nelle parti indicate sono egualmente importanti ai fini dell'accertamento.

Modalità di
accertamento

La verifica finale sarà orale.

Il docente può riservare ai soli frequentanti (NON SI GIUSTIFICANO LE ASSENZE) momenti di verifica intermedia della preparazione mediante esercitazione scritta. Tale verifica sarà scritta con domande aperte e può costituire in caso positivo il superamento dell'esame. L'eventuale esame orale non terrà conto dell'esito di tale prova.

Lo studente che mostra conoscenza generale dei concetti, dei pricnipi e delle essenziali norme oggetto del programma e dei testi indicati otterrà un voto di approvazione in fascia minima.

Lo studente che denota una conoscenza mediamente approfondita delle norme e delle problematiche del corso come illustarte nei testi di rifeirmento e nelle lezioni otterrà una votazione di fascia media.

Lo studente che dimostra una profonda cooscenza degli istituti giuridici nonché delle metodologie e dei profili problematici della materia e dei testi conseguirà un voto di fascia alta.

Lo studente che conosce molto bene le norme e gli istituti e che dimostra piena consapevolezza della metodologia e dei principali profili critici dell'ordinamento della informazione, unitamente allo sviluppo di un punto di vista personale sui testi, ottiene una votazione di eccellenza. 

Daranno luogo a valutazioni negative: difficoltà di orientamento dello studente rispetto ai temi affrontati nei testi d'esame; lacune formative; l’uso di un linguaggio non appropriato.

Informazioni Aggiuntive per Studenti Non Frequentanti

Modalità didattiche

Studio individuale di tutti i paragrafi dei testi indicati.

Obblighi

Studio individuale di tutti i paragrafi dei testi indicati.

Conoscenza dei tratti fondamentali della Costituzione italiana.

Testi di studio

1. Paolo Caretti, Andrea Cardone, Diritto dell'informazione e della comunicazione, il Mulino, Bologna, 2019, ultima edizione, Capitoli, I,II,III, V e VI.

2. Carlo Magnani, Libertà di espressione e fake news, il difficile rapporto tra verità e diritto. Una prospettiva teorica, in Costituzionalismo.it, 3, 2018. Scaricabile online http://www.costituzionalismo.it/articoli/692/ .

Si ricorda che TUTTE le parti e TUTTI gli argomenti contenuti nei testi o nelle parti indicate sono egualmente importanti ai fini dell'accertamento.

Modalità di
accertamento

La verifica finale sarà orale.

Lo studente che mostra conoscenza generale dei concetti, dei pricnipi e delle essenziali norme oggetto del programma e dei testi indicati otterrà un voto di approvazione in fascia minima.

Lo studente che denota una conoscenza mediamente approfondita delle norme e delle problematiche del corso come illustarte nei testi di rifeirmento e nelle lezioni otterrà una votazione di fascia media.

Lo studente che dimostra una profonda cooscenza degli istituti giuridici nonché delle metodologie e dei profili problematici della materia e dei testi conseguirà un voto di fascia alta.

Lo studente che conosce molto bene le norme e gli istituti e che dimostra piena consapevolezza della metodologia e dei principali profili critici dell'ordinamento della informazione, unitamente allo sviluppo di un punto di vista personale sui testi, ottiene una votazione di eccellenza.

« torna indietro Ultimo aggiornamento: 23/09/2020


Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Se sei vittima di violenza o stalking chiama il 1522

Il 1522 è un servizio pubblico promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Pari Opportunità. Il numero, gratuito è attivo 24 h su 24, accoglie con operatrici specializzate le richieste di aiuto e sostegno delle vittime di violenza e stalking.

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Performance della pagina

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2021 © Tutti i diritti sono riservati

Top