Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


STORIA DELL'ARTE DEL MEDITERRANEO TARDO ANTICO
HISTORY OF ART OF THE LATE ANCIENT MEDITERRANEAN

IL MARMO NELLA TARDA ANTICHITÀ: PRODUZIONE, COMMERCIO, REIMPIEGO
MARBLE IN LATE ANTIQUITY: PRODUCTION, TRADE, REUSE

A.A. CFU
2021/2022 6
Docente Email Ricevimento studenti
Andrea Paribeni Palazzo Albani, sede DISTUM, postazione docente. Durante il corso, in data e orario da definirisi; negli altri periodi dell'anno accademico previo appuntamento
Didattica in lingue straniere
Insegnamento con materiali opzionali in lingua straniera Inglese
La didattica è svolta interamente in lingua italiana. I materiali di studio e l'esame possono essere in lingua straniera.

Assegnato al Corso di Studio

Storia dell'Arte (LM-89)
Curriculum: PERCORSO COMUNE
Giorno Orario Aula
Giorno Orario Aula

Obiettivi Formativi

 Il corso si propone di far conoscere, nel loro constesto storico e culturale, le più signifiative espressioni artistiche di un periodo di cerniera tra l'Antichità classica e il pieno Medioevo per il quale la storiografia del secolo scorso ha coniato il termine di Tarda Antichità e i cui ambiti cronologici e geografici sono tuttora oggetto di dibattito e confronto tra gli studiosi. Si tratta comunque di un'epoca estremamente ricca di fermenti politici (la dissoluzione dell'impero romano d'Occidente, la nascita dell'impero romano d'Oriente, l'affermazione dell'Islam), religiosi (la diffusione sempre crescente del Cristianesimo e il suo rapporto con il perdurare di culti e tradizioni legati al retaggio pagano) e culturali (l'incontro tra la tradizione della cultura classica e le nuove istanze che si manifestavano nella società) che non mancarono di imprimere un segno nella produzione artistica di tutti i territori coinvolti che ebbero, come comun denominatore, il legame economico e culturale col Mar Mediterraneo.

Programma

La grande macchina organizzativa che aveva regolato le fasi di estrazione, lavorazione e distribuzione dei marmi in età imperiale si mantenne in piena efficienza anche nella Tarda Antichità: anzi, dopo una parziale flessione nel III secolo, gli opifici legati alle cave che gravitavano attorno al Mediterraneo trassero nuova linfa dai programmi di ridefinizione urbanistica delle grandi metropoli (Roma, Antiochia, Alessandria) e soprattutto dalla creazione di una nuova capitale – Costantinopoli - sul nucleo dell’antica Bisanzio. Parallelamente la legittimazione del culto cristiano portò con sé la necessità di assicurare arredi scultorei e liturgici per le basiliche e i centri di pellegrinaggio che sorgevano in ogni angolo dell’impero. A questa incessante domanda di materiali marmorei si sopperì con l’intensificazione dell’attività estrattiva delle cave (mantenutasi fino a per lo meno tutto il VI secolo) e, al contempo, con il massiccio ricorso al reimpiego di marmi da edifici che, per varie ragioni, erano caduti in disuso. Il corso propone un percorso attraverso queste diverse realtà, con l’intenzione di illustrare le diverse fasi della produzione in cava (estrazione dei blocchi, lavorazione parziale o compiuta dei manufatti, sistemi di trasporto via terra o via mare) e la varietà degli impieghi del marmo (realizzato ad hoc oppure di spoglio) per monumenti onorari, statuaria, sarcofagi, scultura in funzione architettonica, pavimentazioni, elementi di arredo domestico o liturgico.     

Tra i principali casi studio e tematiche del corso si segnalano:

-  I marmi bianchi e policromi del Mediterraneo: varietà tipologiche, determinazione delle aree di provenienza

-   Organizzazione del commercio del marmo in età imperiale e continuità dell’attività nelle cave in epoca tardoantica

-  Il marmo nuovo e di reimpiego nell’edilizia pubblica e privata a Roma e nel suburbio tra IV e V secolo

-  I grandi cantieri di Costantinopoli tra IV e V secolo: la marmorizzazione della nuova capitale

-  L’approvvigionamento di marmi per le basiliche cristiane del Mediterraneo

-  Il relitto di Marzamemi

-  Il valore estetico e simbolico del marmo negli apparati decorativi: il contributo delle fonti scritte

-  Marmi bianchi e policromi nei grandi cantieri religiosi e civili di età giustinianea

-  I marmi della Santa Sofia: tipologie, apparati decorativi, organizzazione delle botteghe di marmorari

-  Le tappe della renovatio imperii di Giustiniano vista attraverso la lente della diffusione in Italia e in Africa degli arredi liturgici prodotti nella capitale

-  Reimpiego di marmi romani e bizantini nelle fondazioni civili e religiose della prima età islamica dal Bilad al Sham alla Andalusia

Risultati di Apprendimento (Descrittori di Dublino)

Lo studente dovrà dimostrare conoscenze di base relativamente alla articolazione cronologica delle diverse fasi della produzione artistica in età tardoantica e delle caratteristiche precipue delle varie correnti stilistiche grazie ad una corretta e criticamente vigile lettura e comprensione dei libri di testo;

dovrà essere in grado di applicare le conoscenze acquisite in modo tale da riuscire, attraverso opportune argomentazioni, a confrontare ed eventualmente correlare monumenti e manufatti di diversi ambiti geografici, cronologici o di committenza;

dovrà dimostrare la capacità di maturare giudizi autonomi rispetto a questioni controverse dal punto di vista attributivo o di cronologia, attraverso la raccolta e l'esame critico dei dati ritenuti utili;

dovrà dimostrare autonomia e efficacia espositiva nel comunicare le nozioni e i concetti assimilati nel corso delle lezioni e nello studio;

dovrà affinare quelle capacità di apprendimento necessarie per intraprendere in modo autonomo lo studio della produzione artistica successiva a quella di età tardoantica. 

Materiale Didattico

Il materiale didattico predisposto dal docente in aggiunta ai testi consigliati (come ad esempio diapositive, dispense, esercizi, bibliografia) e le comunicazioni del docente specifiche per l'insegnamento sono reperibili all'interno della piattaforma Moodle › blended.uniurb.it

Attività di Supporto

Non sono previste attività a supporto della didattica. Durante il corso si valuterà l'opportunità di effettuare sopralluoghi a monumenti e a musei per approfondire la conoscenza di opere d'arte trattate nelle lezioni. 


Modalità Didattiche, Obblighi, Testi di Studio e Modalità di Accertamento

Modalità didattiche

Lezioni frontali con utilizzo di power point

Obblighi

Pur se non obbligatoria, la frequenza è vivamente consigliata

Testi di studio

A. Marcone, Tarda antichità. Profilo storico e prospettive storiografiche, Roma Carocci editore 2020

Una selezione di saggi relativi agli argomenti trattati nelle lezioni verrà messa a disposizione delgi studenti sulla piattaforma Moodle

Modalità di
accertamento

L'esame consisterà in una prova orale basata sulla verifica dell'apprendimento dei testi di studio; nella prova verranno utilizzate le immagini contenute nei libri di testo e nei power point mostrati durante le lezioni.

Nel corso dell'accertamento lo studente, per meritare una valutazione sufficiente, dovrà dimostrare di aver assimilato i concetti e le nozioni fondamentali; elementi premianti per una valutazione più alta saranno la capacità di mettere in correlazione tra loro determinate componenti del programma, di comprendere le differenti letture proposte dagli studiosi riguardo specifici nodi critici, di saper esercitare una propria valutazione rispetto alle diverse problematiche sollevate, di dimostrare infine padronanza nell’uso del linguaggio specifico.

Informazioni Aggiuntive per Studenti Non Frequentanti

Modalità didattiche

Studio individuale

Testi di studio

A. Marcone, Tarda antichità. Profilo storico e prospettive storiografiche, Roma Carocci editore 2020

M. David, Archeologia della Tarda Antichità, Milano Mondadori 2021

Modalità di
accertamento

L'esame consisterà in una prova orale basata sulla verifica dell'apprendimento dei testi di studio; nella prova verranno utilizzate le immagini contenute nei libri di testo.

Nel corso dell'accertamento lo studente, per meritare una valutazione sufficiente, dovrà dimostrare di aver assimilato i concetti e le nozioni fondamentali; elementi premianti per una valutazione più alta saranno la capacità di mettere in correlazione tra loro determinate componenti del programma, di comprendere le differenti letture proposte dagli studiosi riguardo specifici nodi critici, di saper esercitare una propria valutazione rispetto alle diverse problematiche sollevate, di dimostrare infine padronanza nell’uso del linguaggio specifico.

« torna indietro Ultimo aggiornamento: 28/09/2021


Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Se sei vittima di violenza o stalking chiama il 1522

Il 1522 è un servizio pubblico promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Pari Opportunità. Il numero, gratuito è attivo 24 h su 24, accoglie con operatrici specializzate le richieste di aiuto e sostegno delle vittime di violenza e stalking.

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Performance della pagina

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2021 © Tutti i diritti sono riservati

Top