Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


STORIA DELLA PSICOLOGIA
HISTORY OF PSYCHOLOGY

Le basi fisiche dell'emozione: storia delle emozioni da William James al dibattito contemporaneo
The physical basis of emotion: the history of emotions from William James to the contemporary debate

A.A. CFU
2021/2022 6
Docente Email Ricevimento studenti
Denise Vincenti Il mercoledì dalle 16 alle 17 e il giovedì dalle 10 alle 11, previo appuntamento da concordare via mail (sede "Volponi", via Saffi 15, stanza C18)

Assegnato al Corso di Studio

Scienze e Tecniche Psicologiche (L-24)
Curriculum: PERCORSO COMUNE
Giorno Orario Aula
Giorno Orario Aula

Obiettivi Formativi

  • Nella sua parte generale, il corso si propone di presentare le varie problematiche relative alla nascita della psicologia scientifica, promuovendo anche una riflessione critica sui presupposti teorici, epistemologici e metodologici e sui condizionamenti sociali che ne hanno guidato storicamente lo sviluppo. Ci si soffermerà – seppure sinteticamente – sull’origine, l’evoluzione e la trasformazione dei principali orientamenti della ricerca psicologica della seconda metà del XIX secolo e del Novecento, collocandoli nel rispettivo contesto storico ed evidenziandone il programma di ricerca dominante.
  • Nella sua parte monografica, il corso intende analizzare lo sviluppo del dibattito filosofico e psicologico sulle emozioni, prendendo in considerazione dapprima le formulazioni offerte sul tema in epoca moderna (con un'attenzione particolare alla prospettiva cartesiana) e soffermandosi in seguito sul dibattito avviatosi nel corso dell'Ottocento e ancora oggi in essere. Elemento centrale di discussione sarà la teoria cosiddetta periferica delle emozioni, proposta da Carl Lange e William James negli anni '80 del XIX secolo, di cui si analizzeranno i principali aspetti e criticità. A partire da tale prospettiva e alla luce delle sue successive rielaborazioni, si seguirà l'evoluzione del dibattito sulle emozioni sino all'epoca contemporanea, presentando i principali modelli esplicativi (teoria cognitivo-attivazionale, teoria dell'appraisal, prospettive neuroscientifiche, ecc.), sempre tenendo fermo il dialogo con la riflessione precedente.

Programma

a) Parte generale – Lineamenti di storia della psicologia scientifica

Cenni introduttivi: il pensiero greco e moderno – Wundt e la nascita della psicologia scientifica – Strutturalismo e funzionalismo – Pierre Janet e l'automatismo psicologico – Freud e la nascita della psicoanalisi – La psicologia della Gestalt – La riflessologia di Bechterev e Pavlov – Il comportamentismo – La Scuola storico-culturale (Vygotskij e Lurija) – Piaget e l’epistemologia genetica – Il cognitivismo.

b) Parte monografica – Le basi fisiche dell'emozione: storia delle emozioni da William James al dibattito contemporaneo

Affetti, passioni ed emozioni: Descartes e il pensiero moderno – La teoria periferica delle emozioni di Carl Lange e William James – Peculiarità e criticità della proposta jamesiana – Nuovi modelli di localizzazione delle emozioni (Cannon-Bard, Papez e McLean) – La teoria cognitivo-attivazionale (Schachter, Singer) e le teorie dell’appraisal – Prospettive neuroscientifiche: Antonio Damasio e l’ipotesi del marcatore somatico.

Eventuali Propedeuticità

Non sono previste propedeuticità. Si presuppone in ogni caso una conoscenza, ancorché liceale, degli sviluppi del pensiero filosofico e scientifico occidentale moderno e contemporaneo.

Risultati di Apprendimento (Descrittori di Dublino)

In riferimento ai Descrittori di Dublino, dato il tipo di disciplina (come base per lo studio delle diverse e specifiche articolazioni della stessa), si ritiene opportuno privilegiare innanzitutto, tra i risultati attesi, la conoscenza e la capacità di comprensione relativamente a:

1) i principali sviluppi, fino ai giorni nostri, della riflessione epistemologica sulla psicologia come scienza caratterizzata da posizioni fondamentali antinomiche, che costituiscono uno dei fondamenti dell’attuale pluralità delle discipline psicologiche;

2) le radici della psicologia nel pensiero filosofico e nelle scienze fisiologiche e medico-psichiatriche e il lungo percorso per giungere al riconoscimento scientifico, sociale e giuridico della psicologia;

3) i contenuti, le posizioni epistemologiche, le impostazioni metodologiche e i caratteri distintivi delle grandi scuole di ricerca e di teorizzazione psicologico-psicopatologiche e le ragioni del superamento di ciascuna di esse o del loro affiancamento da parte di altre e differenti scuole.

Poiché l’insegnamento di Storia della psicologia non ha immediate finalità legate alla professione, le conoscenze e le capacità di comprensione applicate possono essere intese come tali solo in senso lato. Come risultati attesi, pertanto, si privilegiano per esempio capacità come quella di saper ripercorrere il complesso percorso della ricerca e della riflessione teorica sui principali temi della psicologia, a cominciare dalla precisazione del suo oggetto, e di rintracciare gli elementi salienti del rapporto tra teoria e applicazioni in psicologia, così come si è storicamente determinato e modificato.

Rientra poi tra i risultati attesi l’autonomia di giudizio, declinata nello specifico come capacità di condurre confronti fra scuole e teorie, di individuare e valutare analogie e differenze fra le medesime, cogliendo le influenze tra esse o, viceversa, le posizioni critiche, che spesso motivano, nel corso dello sviluppo storico del settore, l’apertura di nuove prospettive. Rientra altresì la capacità di apprendere, riferita in particolare a un apprendimento critico-concettuale e non meramente mnemonico. Infine, costituisce un risultato atteso anche la capacità di comunicare in modo adeguato i contenuti sui quali verte il corso.

Materiale Didattico

Il materiale didattico predisposto dal docente in aggiunta ai testi consigliati (come ad esempio diapositive, dispense, esercizi, bibliografia) e le comunicazioni del docente specifiche per l'insegnamento sono reperibili all'interno della piattaforma Moodle › blended.uniurb.it

Attività di Supporto

Lezioni integrative, seminari ed eventuali esercitazioni in aula.


Modalità Didattiche, Obblighi, Testi di Studio e Modalità di Accertamento

Modalità didattiche

Saranno adottate modalità didattiche comprendenti l’esposizione diretta, la discussione di gruppo, l’analisi di testi storicamente e scientificamente significativi, lo svolgimento di eventuali approfondimenti a carattere seminariale

Obblighi

Non è previsto alcun obbligo, ma si raccomanda la frequenza costante alle lezioni

Testi di studio
  • C. Morabito, Introduzione alla storia della psicologia, Laterza, Roma-Bari 2007;
  • R. Cartesio, Le passioni dell’anima, a cura di S. Obinu, Bompiani, Milano 2003;
  • W. James, Che cos’è un’emozione?, in G. Baggio, F. Caruana, A. Parravicini, M. Viola (a cura di), Emozioni. Da Darwin al pragmatismo, Resenberg & Sellier, Torino 2020, pp. 89-109;
  • W. James, Le emozioni, in W. James, Antologia di scritti psicologici, a cura di N. Dazzi, Il Mulino, Bologna 1981, pp. 161-192 [disponibile in blended.uniurb.it]; 
  • W. James, Le basi fisiche dell’emozione, in G. Baggio, F. Caruana, A. Parravicini, M. Viola (a cura di), Emozioni. Da Darwin al pragmatismo, Resenberg & Sellier, Torino 2020, pp. 110-125;
  • A. Damasio, L’errore di Cartesio, Adelphi, Milano 1995, pp. 187-341.

Ulteriori materiali integrativi (slides e passi antologici) saranno messi a disposizione dal docente sulla piattaforma Moodle entro la fine del corso. Tali materiali integrativi sono parte integrante del programma d’esame.

Gli studenti frequentanti che devono sostenere l’esame per 8 cfu aggiungono anche il seguente testo:

  • M. Nussbaum, L'intelligenza delle emozioni, Il Mulino, Bologna 2004, limitatamente alle pagine 17-116, 160-173.
Modalità di
accertamento

Colloquio orale. La valutazione sarà espressa in trentesimi.

Criteri di verifica e soglie di valutazione:

30 e lode: prova eccellente, sia nelle conoscenze che nell'articolazione critica ed espressiva.
30: prova ottima; conoscenze complete, ben articolate ed espresse correttamente, con alcuni spunti critici.
27-29: prova buona; conoscenze esaurienti e soddisfacenti; espressione sostanzialmente corretta.
24-26: prova discreta; conoscenze presenti nei punti sostanziali, ma non esaurienti e non sempre articolate con correttezza.
21-23: prova sufficiente; conoscenze presenti in modo talvolta superficiale, ma il filo conduttore generale risulta compreso. Espressione e articolazione sono lacunose e spesso non appropriate.
18-21: prova appena sufficiente; conoscenze presenti ma superficiali; il filo conduttore non è compreso con continuità. L'espressione e l'articolazione del discorso presentano lacune anche rilevanti.
<18: prova insufficiente; conoscenze assenti o molto lacunose; mancanza di orientamento nella disciplina. L'espressione è carente e gravemente lacunosa.

Informazioni Aggiuntive per Studenti Non Frequentanti

Modalità didattiche

Si invitano gli studenti non frequentanti a contattare il docente per un colloquio preliminare

Obblighi

Si invitano gli studenti non frequentanti a contattare il docente per un colloquio preliminare

Testi di studio
  • C. Morabito, Introduzione alla storia della psicologia, Laterza, Roma-Bari 2007;
  • R. Cartesio, Le passioni dell’anima, a cura di S. Obinu, Bompiani, Milano 2003;
  • W. James, Che cos’è un’emozione?, in G. Baggio, F. Caruana, A. Parravicini, M. Viola (a cura di), Emozioni. Da Darwin al pragmatismo, Resenberg & Sellier, Torino 2020, pp. 89-109;
  • W. James, Le emozioni, in W. James, Antologia di scritti psicologici, a cura di N. Dazzi, Il Mulino, Bologna 1981, pp. 161-192.
  • W. James, Le basi fisiche dell’emozione, in G. Baggio, F. Caruana, A. Parravicini, M. Viola (a cura di), Emozioni. Da Darwin al pragmatismo, Resenberg & Sellier, Torino 2020, pp. 110-125;
  • A. Damasio, L’errore di Cartesio, Adelphi, Milano 1995, pp. 187-341.

Inoltre:

  • J. Plamper, Storia delle emozioni, Il Mulino, Bologna 2018, limitatamente al cap. III, Universalismo e scienze della vita.

Ulteriori materiali integrativi (slides e passi antologici) saranno messi a disposizione dal docente sulla piattaforma Moodle entro la fine del corso. Tali materiali integrativi sono parte integrante del programma d’esame.

Gli studenti non frequentanti che devono sostenere l’esame per 8 cfu aggiungono anche il seguente testo:

  • M. Nussbaum, L'intelligenza delle emozioni, Il Mulino, Bologna 2004, limitatamente alle pagine 17-116, 160-173.
Modalità di
accertamento

Colloquio orale. La valutazione sarà espressa in trentesimi.

Criteri di verifica e soglie di valutazione:

30 e lode: prova eccellente, sia nelle conoscenze che nell'articolazione critica ed espressiva.
30: prova ottima; conoscenze complete, ben articolate ed espresse correttamente, con alcuni spunti critici.
27-29: prova buona; conoscenze esaurienti e soddisfacenti; espressione sostanzialmente corretta.
24-26: prova discreta; conoscenze presenti nei punti sostanziali, ma non esaurienti e non sempre articolate con correttezza.
21-23: prova sufficiente; conoscenze presenti in modo talvolta superficiale, ma il filo conduttore generale risulta compreso. Espressione e articolazione sono lacunose e spesso non appropriate.
18-21: prova appena sufficiente; conoscenze presenti ma superficiali; il filo conduttore non è compreso con continuità. L'espressione e l'articolazione del discorso presentano lacune anche rilevanti.
<18: prova insufficiente; conoscenze assenti o molto lacunose; mancanza di orientamento nella disciplina. L'espressione è carente e gravemente lacunosa.

Note

Il corso avrà inizio mercoledì 6 ottobre alle ore 14 (Edificio Volponi, Aula Magna E2), e osserverà il seguente orario:

- mercoledì ore 14-16;

- giovedì ore 11-13.

Il ricevimento studenti, nel periodo di lezione, si terrà ogni mercoledì dalle 16 alle 17 e ogni giovedì dalle 10 alle 11, previo appuntamento da concordare via mail con il docente.

« torna indietro Ultimo aggiornamento: 24/09/2021


Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Se sei vittima di violenza o stalking chiama il 1522

Il 1522 è un servizio pubblico promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Pari Opportunità. Il numero, gratuito è attivo 24 h su 24, accoglie con operatrici specializzate le richieste di aiuto e sostegno delle vittime di violenza e stalking.

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Performance della pagina

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2022 © Tutti i diritti sono riservati

Top