Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


ETNOPSICOPATOLOGIA (A SCELTA)

A.A. CFU
2010/2011 4
Docente Email Ricevimento studenti
Francesco Comelli Previ accordi telefonici: 3939793932 oppure via mail. In occasione delle lezioni il venerdì dopo la lezione e il sabato mattina prima della lezione

Assegnato al Corso di Studio

Giorno Orario Aula

Obiettivi Formativi

1- Conoscere alcuni elementi storici e attuali dell' etnopsicopatologia e le differenze fra trattamenti tradizionali e i metodi adattati ad una cultura. Patologie dell' occidente e rapporto con la cultura.
2- Conoscere le istituzioni di cura attuali: fattori di fondo al di là delle culture, fattori specifici che le influenzano. Panoramica sui contesti di gruppo. Anamnesi culturale. Psicopatologia nelle sue forme attuali . Deculturazione.
3- Approfondire i legami fra la clinica dell' individuo, clinica delle famiglie e la clinica dei gruppi, con riflessione intorno ai fenomeni della distruttività e guerra.
4- Acquisizione di strumenti operativi e concettuali riguardanti la contemporaneità e le nuove forme del soffrire. Psichiatria e psicoterapia con pazienti stranieri.
5- Individuazione dei termini lessicali legati all' esperienza del corso per completare la pubblicazione rinnovata di anno in anno di un testo a partecipazione studentesca (gli studenti ogni anno forniscono termini lessicali chiave con breve spiegazione, poi pubblicata su testo in continuo aggiornamento annuale).
6- Lavorare esperienzialmente sui concetti di estraneità e di distruttività vista nei contesti etnici familiari individuali con particolare riferimento ai fenomeni transgenerazionali.

Programma

Il corso percorre la storia dell' etnopsichiatria per risalire alle patologie occidentali contemporanee (es anoressia, bulimia, psicosi), nel tentativo di individuare differenze espressive di patologie in altri ambiti culturali. Vengono presi in considerazione i rapporti fra cultura, sistemi di cura e espressione del disagio. Le istituzioni di cura e la mente dell' operatore immersa in esse vengono prese come punto di partenza per effettuare un' esperienza legata all' incontro con il non noto, con l' alieno e con la necessità di posizionarlo in contesti di gruppo. In particolare viene anche affrontato lo scarto fra il concetto di gruppo e il concetto di gruppo etnico. I concetti di transgenerazionalità e di distruttività vengono presi in esame come elementi di collegamento fra etnie e attualità

Risultati di Apprendimento (Descrittori di Dublino)

Viene predisposto mediante i gruppi di lavoro una modalità di valutazione dei risultati previsti e delle competenze da acquisire, che consistono nell' obiettivo di:
differenziare sufficientemente bene i diversi quadri psicopatologici in soggetti italiani per poter poi svolgere un simile lavoro con pazienti provenienti da culture diverse (conoscenza discipline specialistiche);
comprendere le modalità di conduzione dei colloqui con soggetti di diverse culture(comprensione concetti avanzati );
valutare nei disagi presentati il grado di presenza di elementi culturali di origine rispetto ad elementi acquisiti (comprensione concetti avanzati );
comprendere le relazioni individuo \ gruppo nei contesti culturali e nei contesti di cura;
conoscere le modalità di relazione fra culture e sviluppo di disagi psicologici\psichiatrici.

Attività di Supporto

Lezioni, Esercitazioni, seminari a partire da casi clinici (capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare in maniera autonoma sulle problematiche della disciplina).


Modalità Didattiche, Obblighi, Testi di Studio e Modalità di Accertamento

Modalità didattiche

lezione al 50% frontale e al 50% mediante esercitazione suddivisione in piccoli gruppi , con successiva restituzione generale a gruppo completo. Integrazione con seminari multidisciplinari. Possibile visita e partecipazione a istituzioni.

Seminari integrati

Obblighi
Testi di studio

G. Devereux, Saggi di Etnopsichiatria Generale,
Armando ed. Roma (capitoli 1,2,4,5, 10, 11,13, 15).

Forme della distruttività contemporanee e percorsi di cura " a cura di Catullo, Faucitano, Nettuno, Mimesis ed. Milano 2010 (capitoli 1, 2, 3 , 4, 5 , 6)

Testi facoltativi:
F. Comelli, Curare Istituzioni che curano, Mimesis ed. Milano 2010

Lavorare con il gruppo specializzato, a cura di Mirella Curi Novelli, Franco Angeli ed 2010

Modalità di
accertamento

Esame orale

Note

frequenza altamente consigliata

« torna indietro Ultimo aggiornamento: 25/02/2011


Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Se sei vittima di violenza o stalking chiama il 1522

Il 1522 è un servizio pubblico promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Pari Opportunità. Il numero, gratuito è attivo 24 h su 24, accoglie con operatrici specializzate le richieste di aiuto e sostegno delle vittime di violenza e stalking.

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Performance della pagina

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2021 © Tutti i diritti sono riservati

Top