Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


RELAZIONI INDUSTRIALI

A.A. CFU
2008/2009 6
Docente Email Ricevimento studenti
Chiara Lazzari Prima dell'orario d'inizio delle lezioni

Assegnato al Corso di Studio

Giorno Orario Aula

Obiettivi Formativi

Fornire ai frequentanti le conoscenze necessarie per comprendere i fondamenti della materia

Programma

Profili teorici generali: l’oggetto delle relazioni industriali; la concezione sistemica delle relazioni industriali; la tipologia dei modelli di relazioni industriali; gli elementi costitutivi e distintivi dei modelli di relazioni industriali; il sistema di relazioni industriali come sistema produttivo di regole; gli attori del sistema.Il sistema delle relazioni industriali in Italia dal dopoguerra ad oggi: caratteri ed evoluzione storica; il quadro giuridico istituzionale; le relazioni industriali nell’impresa; la conflittualità; le relazioni sindacali nel settore pubblico.La contrattazione collettiva: analisi ed evoluzione storica; la struttura della contrattazione collettiva ed i criteri di regolazione; i contenuti della contrattazione collettiva.I rapporti tra Stato e parti sociali: in particolare, le politiche di concertazione sociale.Le linee di tendenza: la partecipazione come forma di democrazia industriale nel panorama comparato; le relazioni industriali nell’Unione Europea; dialogo sociale e contrattazione collettiva comunitaria.

Modalità Didattiche, Obblighi, Testi di Studio e Modalità di Accertamento

Modalità didattiche

Il corso si svolgerà nel II Semestre e consisterà in lezioni frontali a cui si aggiungeranno alcuni seminari di approfondimento.

Testi di studio

G.P. CELLA, T. TREU, Relazioni industriali, Bologna, Il Mulino, ultima edizione (N.B: All’inizio del corso il docente indicherà quali parti del manuale dovranno essere oggetto di particolare approfondimento).L. BELLARDI, Concertazione e contrattazione, Bari, Cacucci, 1999, cap. I.L. BELLARDI, Le relazioni industriali in transizione: nodi critici e ipotesi di riforma, in “Diritto delle Relazioni Industriali”, 2003, n. 3, pp. 362-407.

Modalità di
accertamento

La prova di esame consiste in una discussione orale.Gli studenti assiduamente frequentanti potranno sostenere una prova di verifica intermedia le cui modalità saranno concordate con il docente.

Informazioni Aggiuntive per Studenti Non Frequentanti

Modalità didattiche

Il corso si svolgerà nel II Semestre e consisterà in lezioni frontali a cui si aggiungeranno alcuni seminari di approfondimento.

Testi di studio

G.P. CELLA, T. TREU, Relazioni industriali, Bologna, Il Mulino, ultima edizione (N.B: All’inizio del corso il docente indicherà quali parti del manuale dovranno essere oggetto di particolare approfondimento).L. BELLARDI, Concertazione e contrattazione, Bari, Cacucci, 1999, cap. I.L. BELLARDI, Le relazioni industriali in transizione: nodi critici e ipotesi di riforma, in “Diritto delle Relazioni Industriali”, 2003, n. 3, pp. 362-407.

Modalità di
accertamento

La prova di esame consiste in una discussione orale.

« torna indietro Ultimo aggiornamento: 21/07/2007


Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Se sei vittima di violenza o stalking chiama il 1522

Il 1522 è un servizio pubblico promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Pari Opportunità. Il numero, gratuito è attivo 24 h su 24, accoglie con operatrici specializzate le richieste di aiuto e sostegno delle vittime di violenza e stalking.

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Performance della pagina

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2021 © Tutti i diritti sono riservati

Top