Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


STORIA DEI CONSUMI CULTURALI
HISTORY OF CULTURAL CONSUMPTION

A.A. CFU
2021/2022 6
Docente Email Ricevimento studenti
Barbara Montesi Sempre dopo la lezione o previo appuntamento.
Didattica in lingue straniere
Insegnamento con materiali opzionali in lingua straniera
La didattica è svolta interamente in lingua italiana. I materiali di studio e l'esame possono essere in lingua straniera.

Assegnato al Corso di Studio

Comunicazione e Pubblicità per le Organizzazioni (LM-59)
Curriculum: PERCORSO COMUNE
Giorno Orario Aula
Giorno Orario Aula

Obiettivi Formativi

Il corso fornisce alle studentesse e agli studenti le competenze per comprendere e per riflettere criticamente sui processi e sulle interpretazioni dei consumi culturali nella seconda metà del Novecento, in particolare quelli relativi ai visual media negli anni cinquanta e sessanta. Richiama inoltre costantemente la prospettiva di genere e di generazione, con l'obiettivo di acquisire maggiore capacità di lettura critica dei fenomeni.

Al termine del corso le studentesse e gli studenti conoscono i caratteri specifici dei consumi culturali contemporanei in un’ottica globale e delle trasformazioni sociali e politiche che li hanno accompagnati. 

Programma

Il corso offre alle studentesse e agli studenti gli strumenti e le conoscenze per interpretare la storia dei consumi culturali, attraverso un'analisi che tenga conto delle trasformazioni politiche, sociali, economiche, di mentalità e di costume a partire dagli anni trenta per focalizzarsi sulla seconda metà Novecento. Affronta pertanto alcuni nodi interpretativi centrali quali il fascismo, il boom economico, il boom dei consumi, la diffusione e l’accesso di massa ai visual media, in particolare al cinema e alla televisione negli anni cinquanta e sessanta del XX secolo. Il corso privilegia inoltre l'intersecarsi della storia politica, con la storia sociale e culturale e assegna particolare attenzione alle prospettive di genere e di generazione oltre che a una chiave comparativa globale. 

Eventuali Propedeuticità

Non vi sono propeudicità da rispettare.

Risultati di Apprendimento (Descrittori di Dublino)

Gli studenti devono conseguire:

1. Conoscenze e capacità di comprensione delle principali strutture e trasformazioni dei paesi, dei fenomeni, dei sistemi politici e sociali delle società contemporanee, attraverso l'acquisizione di competenze teoriche relative all’interpretazione delle persistenze e dei cambiamenti del mondo globalizzato.

1.1. Gli studenti conseguono tali conoscenze di base attraverso la frequenza delle lezioni, lo studio dei testi discussi in aula, la visione di documentari e filmati storici.

2. Capacità di applicare conoscenza e comprensione: stimolare l’esercizio critico attraverso le metodologie di analisi finalizzate a mettere a confronto e a far coniugare i vari eventi storici.

2.1. Competenze acquisite attraverso momenti di discussione e confronto in classe su testi e video.

3. Capacità di giudizio: riflessione critica sugli snodi principali della storia dei consumi culturali del Novecento attraverso il confronto fra le varie esperienze internazionali, con l’obiettivo di cogliere le ragioni, i caratteri e le conseguenze dei fenomeni nei vari periodi storici e nei differenti contesti.

3.1. Tale capacità di giudizio dovrà essere applicata nel confronto in aula con il docente e i colleghi, durante la visione dei documenti storici e nella preparazione dell'esame finale.

4. Abilità comunicative: gli studenti sono chiamati ad interagire in aula attraverso domande, scambi con i compagni di studio, stesura di brevi presentazioni in fase di esercitazione.

4.1. Abilità che si esercita in aula con l'organizzazione di momenti di discussione e di esercitazione.

5. Capacità di apprendimento: agli studenti viene richiesto di adottare un metodo di apprendimento critico capace di coniugare conoscenza e ragionamento, al fine di poter conseguire poi un pensiero e un giudizio autonomo.

5.1. Abilità da potenziare grazie all'argomentazione con il docente e con i compagni di corso.

Materiale Didattico

Il materiale didattico predisposto dal docente in aggiunta ai testi consigliati (come ad esempio diapositive, dispense, esercizi, bibliografia) e le comunicazioni del docente specifiche per l'insegnamento sono reperibili all'interno della piattaforma Moodle › blended.uniurb.it

Attività di Supporto

Visione di filmati, analisi di documenti e discussioni seminariali.


Modalità Didattiche, Obblighi, Testi di Studio e Modalità di Accertamento

Modalità didattiche

Lezioni frontali, seminari, supporto di materiali multimediali.

Obblighi

La frequenza al corso è obbligatoria (almeno il 50% delle ore di lezione) con la sola eccezione degli studenti lavoratori iscritti al percorso part-time, per i quali la frequenza al corso è facoltativa seppur consigliata. 

Testi di studio

1) Damiano Garofalo, Storia sociale della televisione in Italia. 1954-1969, Marsilio 2018.

Più un test a scelta tra:

2a) Giovanni De Luna, I film che hanno l'Italia, Utet 2021 (introduzione e seconda parte)

2b) Agnese Bertolotti, Bisogni e desideri. Società, consumi e cinema in Italia dalla ricostruzione al boom, Mimesis 2021 

Testi alternativi possono essere concordati con la docente.

Modalità di
accertamento

Esame con prova orale. È prevista la possibilità di svolgere una ricerca durante il corso, le cui modalità di valutazione saranno comunicate nel dettaglio dalla docente durante lo svolgimento del corso. 

La verifica dell’apprendimento avverrà tramite colloquio orale individuale basato sui testi di riferimento per l’esame, volto a valutare sia l'apprendimento dei contenuti da parte dello studente sia la sua capacità di rielaborazione e di argomentazione. È prevista la possibilità di sostenere anche una prova scritta con domande aperte.

Daranno luogo a valutazioni di eccellenza: il possesso da parte dello studente di buone capacità critiche e di approfondimento; il saper collegare tra loro le principali tematiche affrontate nel corso; l’uso di un linguaggio appropriato rispetto alla specificità della disciplina.

Daranno luogo a valutazioni discrete: il possesso da parte dello studente di una conoscenza mnemonica dei contenuti; una relativa capacità critica e di collegamento tra i temi trattati: l’uso di un linguaggio appropriato.

Daranno luogo a valutazioni sufficienti: il raggiungimento di un bagaglio di conoscenze minimale sui temi trattati da parte dello studente, pur in presenza di alcune lacune formative; l’uso di un linguaggio non appropriato.

Daranno luogo a valutazioni negative: difficoltà di orientamento dello studente rispetto ai temi affrontati nei testi d'esame; lacune formative; l’uso di un linguaggio non appropriato.

Informazioni Aggiuntive per Studenti Non Frequentanti

Modalità didattiche

Gli studenti non frequentanti sono invitati a tenersi in contatto con la docente e a visionare il materiale didattico che sarà caricato su Moodle durante il corso

La docente è disponibile per chiarimenti, suggerimenti, spiegazioni via mail e, previo appuntamento, anche via skype.

Obblighi

La frequenza al corso è obbligatoria (almeno il 50% delle ore di lezione) con la sola eccezione degli studenti lavoratori iscritti al percorso part-time, per i quali la frequenza al corso è facoltativa seppur consigliata. 

Testi di studio

1) Damiano Garofalo, Storia sociale della televisione in Italia. 1954-1969, Marsilio 2018.

Più un test a scelta tra:

2a) Giovanni De Luna, I film che hanno l'Italia, Utet 2021 (introduzione e seconda parte)

2b) Agnese Bertolotti, Bisogni e desideri. Società, consumi e cinema in Italia dalla ricostruzione al boom, Mimesis 2021 

Testi alternativi possono essere concordati con la docente.

Modalità di
accertamento

Esame con prova orale.

Note

La frequenza al corso è obbligatoria (almeno il 50% delle ore di lezione) con la sola eccezione degli studenti lavoratori iscritti al percorso part-time, per i quali la frequenza al corso è facoltativa seppur consigliata. 

Gli studenti a tempo pieno che non hanno raggiunto il numero minimo di ore di frequenza del singolo insegnamento devono contattare il docente per concordare modalità di recupero del debito di frequenza recuperandola l'anno successivo.

« torna indietro Ultimo aggiornamento: 11/10/2021


Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Se sei vittima di violenza o stalking chiama il 1522

Il 1522 è un servizio pubblico promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Pari Opportunità. Il numero, gratuito è attivo 24 h su 24, accoglie con operatrici specializzate le richieste di aiuto e sostegno delle vittime di violenza e stalking.

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Performance della pagina

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2021 © Tutti i diritti sono riservati

Top