Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


CULTURA ITALIANA
ITALIAN CULTURE

A.A. CFU
2015/2016 8
Docente Email Ricevimento studenti
Antonio Tricomi

Assegnato al Corso di Studio

Lingue e culture straniere (L-11)
Curriculum: LIN-AZ
Giorno Orario Aula

Obiettivi Formativi

Favorire negli studenti l'acquisizione delle necessarie competenze perché essi sappiano poi elaborare riflessioni, anche autonome, sulla storia e sulla cultura italiane degli ultimi due secoli circa.

Programma

Ripercorrendo le riflessioni svolte, nel tempo, da taluni intellettuali e scrittori preoccupati di sondare l'identità italiana, si cercherà di offrire agli studenti un pur rapido, parziale ritratto del Bel Paese dagli albori della modernità fino ai giorni nostri. Giacomo Leopardi e Antonio Gramsci, Piero Gobetti e Carlo Levi, Pier Paolo Pasolini e Giulio Bollati, Walter Siti e Roberto Saviano sono soltanto alcune delle guide cui si cederà la parola nel tentativo di rispondere sempre alla stessa domanda: chi sono gli italiani?

Risultati di Apprendimento (Descrittori di Dublino)

Al termine del corso, gli allievi dovranno palesare un'adeguata conoscenza dei contenuti essenziali proposti dalle fonti letterarie o filosofiche trattate dal docente, rivelandosi altresì abili a decifrare e ad impiegare il linguaggio e il lessico specificamente richiesti dalla materia di studio. Nondimeno, essi dovranno dimostrarsi capaci di ripercorrere criticamente le tappe essenziali della parabola storico-culturale tracciata dall'identità italiana all'incirca negli ultimi due secoli e, in special modo, nel Novecento.

Materiale Didattico

Il materiale didattico predisposto dal docente in aggiunta ai testi consigliati (come ad esempio diapositive, dispense, esercizi, bibliografia) e le comunicazioni del docente specifiche per l'insegnamento sono reperibili all'interno della piattaforma Moodle › blended.uniurb.it

Modalità Didattiche, Obblighi, Testi di Studio e Modalità di Accertamento

Modalità didattiche

Il modello di riferimento sarà quello delle lezioni frontali, in ognuna delle quali il docente tenterà di fornire agli studenti sia i fondamenti teorici, sia il lessico specifico della disciplina. Il più possibile, ma sempre compatibilmente con le conoscenze via via acquisite e con le curiosità intellettuali di volta in volta dimostrate dagli allievi, si cercherà però di rendere tali lezioni dialogate, assecondando modalità di tipo quasi seminariale.

Testi di studio

Testi di studio obbligatori per tutti (il programma d’esame è lo stesso sia per i frequentanti, sia per i non frequentanti)

Giulio Bollati, L’Italiano. Il carattere nazionale come storia e come invenzione, Einaudi, Torino 2011, pp. xxiii-xxxix, 35-127 (titoli delle porzioni di testo da leggere: "Premessa. Con una digressione sul trasformismo"; "L'italiano")

Piero Gobetti, La Rivoluzione Liberale. Saggio sulla lotta politica in Italia, Einaudi, Torino 2008, pp. 163-176 (Titolo della parte di testo da leggere: "Libro quarto. Il fascismo"

Antonio Gramsci, Note sul Machiavelli, sulla politica e sullo Stato moderno, Editori Riuniti, Roma 1996, pp. 85-92 (Titolo del capitoletto da leggere: "Il concetto di rivoluzione passiva")

Antonio Gramsci, Passato e presente, Editori Riuniti, Roma 1996, pp. 10-20 (Titoli dei capitoletti da leggere: "Caratteri nazionali", "Caratteri italiani", "Apoliticismo", "popolarità politica di D'Annunzio", "La politicità di D'Annunzio", "Sovversivo")

Giacomo Leopardi, Franco Cordero, Discorso sopra lo stato presente dei costumi degl’italiani seguito dai Pensieri d’un italiano d’oggi, Bollati Boringhieri, Torino 2011, pp. 9-48 (lettura integrale del solo testo di Leopardi)

Carlo Levi, L’Orologio, Einaudi, Torino 1989, pp. 152-170 (leggere il capitolo 8)

Pier Paolo Pasolini, Scritti corsari, in Saggi sulla politica e sulla società, Mondadori, Milano 1999, pp. 290-293, 404-411, 421-425 (Titoli dei saggi da leggere: "9 dicembre 1973", "1 febbraio 1975", "Sandro Penna, Un po' di febbre")

 

Antonio Tricomi, Fotogrammi dal moderno. Glosse sul cinema e la letteratura, Rosenberg & Seiler, Torino 2015, pp. 91-128 (Leggere il capitolo intitolato "Moderni sovversivi")

Antonio Tricomi, Nessuna militanza, nessun compiacimento. Poveri esercizi di critica non dovuta, Galaad, Giulianova 2014, pp. 212-240 (Leggere il saggio intitolato "Lo so che è una mancanza d'ingenuità, forse anche d'amore"

 

Testi facoltativi (mai obbligatori né per i frequentanti, né per i non frequentanti)

Roberto Saviano, Gomorra, Mondadori, Milano 2006

Walter Siti, Exit strategy, Rizzoli, Milano 2014

Modalità di
accertamento

Il colloquio sarà orale. Tramite quesiti tesi a verificare in ciascun candidato il possesso di nozioni teoriche inerenti la materia di studio, il docente punterà ad accertare che ogni allievo abbia acquisito non soltanto un'adeguata conoscenza della disciplina, ma anche la capacità di elaborare un proprio autonomo discorso critico ricorrendo, con sufficiente puntualità, allo specifico linguaggio settoriale.

« torna indietro Ultimo aggiornamento: 13/03/2016


Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Se sei vittima di violenza o stalking chiama il 1522

Il 1522 è un servizio pubblico promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Pari Opportunità. Il numero, gratuito è attivo 24 h su 24, accoglie con operatrici specializzate le richieste di aiuto e sostegno delle vittime di violenza e stalking.

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Performance della pagina

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2022 © Tutti i diritti sono riservati

Top